Trattamento del glaucoma con una preparazione di cannabis non psicoattiva ... Una precauzione contro la cecità!

Sabato, il 28/09/2019 alle ore 15.30, in Clinica Bonvicini a Bolzano il Cannabis Social Club ha organizzato un incontro nell ambito "Sabato dei Pazienti" in collaborazione con la clinica Bonvicini, l'azienda Cloud9 Swizzerland per tutti i pazienti amalati dal glaucoma. Oftalmologi e scienziati hanno presentato gocce oculari a base di cannabis, utilizzate con successo come terapia innovativa contro il glaucoma. Dr. Hugh Vaughan (oftalmologo) e Dr. Francis P. Scanlan di Cloud 9 Swizzerland hanno presentato il caso di Canasol:

Le gocce oculari Canasol rappresentano un'opportunità farmaceutica - un'innovazione nel trattamento del glaucoma con fitocannabinoidi non psicotropi. Si tratta di 36 anni di esperienza di Canasol come farmaco da prescrizione approvato in Giamaica. 

Il glaucoma è una neuropatia ottica degenerativa caratterizzata da una progressiva perdita della vista. I meccanismi responsabili della progressione del glaucoma non sono stati ancora del tutto compresi. È tuttavia chiaro che il principale fattore di rischio per l’insorgenza della malattia è incremento della Pressione Intraoculare (PIO). Dopo svariati test pre-clinici e clinici. Canasol sin da subito ebbe un grande successo, in quanto poteva garantire ai malati di Glaucoma di non generare quegli effetti collaterali provocati dagli analoghi delle prostaglandine, dai betabloccanti e dagli inibitori dell'anidrasi carbonica, medicinali altrettanto più care.

Soffre di glaucoma?
Vuole usare Cannasol?

Allora ha l'opportunità unica di partecipare ad uno studio osservativo con il farmaco Cannasol. Lo studio sarà accompagnato da medici altoatesini e realizzato in stretta collaborazione con Cloud9 Swizzerland e con il Prof. Dr. Hugh Vaughan. Lo studio durerà circa 6 mesi. Il farmaco è gratuito. L'unico requisito è che Lei sia membro del Cannabis Social Club e metta i risultati dello studio a disposizione del team di ricerca. Interessato?

Allora Le chiedo di contattare il Cannabis Social Club, Peter Grünfelder .